Richiamato hamburger di bovino razza chianina venduto da Lidl

Il Ministero della Salute segnala il richiamo, per rischio microbiologico, di un lotto di hamburger venduto da Lidl. Se ne avete acquistati fate un controllo.

Il Ministero della Salute segnala il richiamo, per rischio microbiologico, di un lotto di hamburger venduto da Lidl. Se ne avete acquistati fate un controllo

Allarme per la possibile presenza di E. coli STEC/VTEC nell’hamburger di bovino razza chianina prodotto da Marfisi Carni S.r.l nello stabilimento sito in Contrada Paglieroni Zona industriale, 66030 Treglio (CH) e venduto e venduto nei supermercati Lidl. Il richiamo riguarda il lotto numero 549886, con data di scadenza 11/10/23, 12/10/23.

L’avviso ricorda che nonostante il prodotto sia da consumarsi previa completa cottura, come riportato in etichetta, si invitano i consumatori a non consumarlo e a riportarlo al punto vendita per il rimborso.

Esteria coli STEC/VTEC (dal sito vedi qui)

li Escherichia coli (E. coli) sono dei batteri che si trovano naturalmente nell’ambiente, negli alimenti e nell’intestino delle persone e degli animali. Sebbene la maggior parte degli E. coli siano innocui, alcuni possono causare gravi forme di malattia nell’uomo come gli E. coli produttori di Shiga tossina (STEC).
L’infezione da STEC può causare diarrea (spesso con sangue), crampi allo stomaco e vomito. La maggior parte delle persone infette da STEC migliora da sola, ma per alcuni l’infezione da STEC può essere molto grave, come nei bambini, e può essere persino mortale.
Le infezioni da STEC possono trasmettersi attraverso il consumo di alimenti contaminati, sia di origine animale che vegetale, attraverso il contatto con animali con infezione da STEC o con ambienti frequentati da animali, tramite l’ingestione accidentale di acqua contaminata ed tramite il contatto con altre persone infette da STEC.
Puoi prevenire un’eventuale infezione da STEC: lavando le mani dopo aver usato il bagno e dopo aver toccato animali o visitato aree frequentate da animali, igienizzando utensili e superfici dopo l’uso, cucinando correttamente gli alimenti, lavando frutta e verdura, separando gli alimenti crudi da quelli cotti e facendo attenzione a non ingerire acque non controllate. Per maggiori informazioni, scarica il decalogo con consigli utili per proteggere te e il tuo bambino dalle infezioni da STEC.